Perché realizzare un cappotto interno

, , Lascia un commento

0 Flares 0 Flares ×

Realizzare un cappotto interno è fondamentale per garantire il giusto isolamento termico ed acustico degli ambienti. Il comfort abitativo è indispensabile per chiunque e grazie al cappotto interno verrà ampiamente garantito.

Inoltre i vantaggi si avranno anche in materia di risparmio energetico e conseguentemente economico.

Coibentazione e cappotto interno

Per coibentazione si intende una tecnica per isolare due sistemi in modo che questi non scambino calore o vibrazioni sonore tra di loro. Il cappotto interno è uno dei sistemi di coibentazione esistenti, che permette isolamento termico, acustico o termoacustico.

Nello specifico il cappotto interno elimina la condensa, i problemi derivanti dai ponti termici, elimina l’umidità, la muffa ed evita dispersioni termiche.

Sia esterno che interno, il cappotto ripara le pareti dal freddo delle stagioni invernali e dal caldo di quelle estive. Questo aiuta moltissimo i sistemi di riscaldamento, condizionamento e ventilazione evitando il loro sovraccaricamento e contribuendo al risparmio energetico.

Cappotto interno e cappotto esterno

Per coibentare al meglio una casa è di primaria importanza un cappotto esterno, ma purtroppo spesso ci si trova ad intervenire su edifici realizzati molti anni prima. In questo caso se non si potrà intervenire esternamente l’unica soluzione è il cappotto interno. Si tratta di un sistema di isolamento molto efficacie ed utilissimo in caso di isolamento non idoneo esterno.

L’unico svantaggio del cappotto interno è che si sottrarrà spazio dall’ambiente in quanto il cappotto stesso ha uno spessore di alcuni centimetri, a seconda del materiale usato e della stratificazione utilizzata.

Materiali per il cappotto interno

Realizzare un cappotto interno è fondamentale purché siano usati materiali idonei e termoisolanti.
Il cappotto interno può infatti essere composto da isolante naturale, come fibre di legno o di sughero, fibra di cellulosa, fibra di lana, ecc.

L’isolante termico artificiale invece è caratterizzato da polietilene, schiume isolanti, poliuretano espanso, fibre di polistirene, ecc.
Il cappotto interno può anche essere costituito da isolanti minerali come la lana di roccia, la vermiculite espansa, la pomice, ecc.

Gli isolanti considerati migliori per cappotti interni sono quelli naturali. Questo anche perché quelli sintetici possono risultare tossici, ma sono idonei per altri tipi di coibentazione, ad esempio per cappotti esterni o l’isolamento di intercapedini di muri e sottotetti.

Risparmio energetico

L’isolamento a cappotto offre molteplici vantaggi tra i quali il risparmio energetico.

Questo perché le pareti così coibentate non permetteranno dispersioni termiche.

I climatizzatori, le caldaie, o gli altri apparecchi termici lavoreranno il giusto per garantire la temperatura ottimale degli ambienti, riducendo le ore di funzionamento e quindi la spesa in Euro, inoltre le emissioni di elementi inquinanti come l’anidride carbonica, vengono ridotte giovando alle persone ed all’ambiente.

Risparmio economico, temperatura ed umidità

Grazie ala realizzazione di un cappotto interno si potrà risparmiare anche in termini economici.

In media il consumo energetico di una casa isolata con cappotto interno può anche ridursi fino al 70 o 80%.

Inoltre la temperatura interna resterà costante ed omogenea, giovando anche alla salute.

L’umidità è un grande nemico sia del comfort interno delle abitazioni, sia delle strutture stesse dell’edificio.

Il cappotto interno può prevenire con risultati eccezionali gli eventuali problemi di umidità, anche in zone climatiche molto umide.

Vantaggi rispetto ad un cappotto esterno

La coibentazione con cappotto interno apporta vantaggi rispetto alla coibentazione esterna, nonostante questa sia una soluzione comunque ottimale.

Innanzitutto è una realizzazione più economica perché non necessita di ponteggi e relative spese di noleggio, non intacca poi l’esterno mantenendo inalterate anche le abitazioni storiche.

Il un condominio ad esempio, il cappotto interno può essere realizzato anche da un solo condomino ed interessare anche solo determinate aree dell’appartamento, come cucina, bagno, ecc.

Costi

La coibentazione tramite cappotto interno è indubbiamente meno costosa rispetto a quella mediante cappotto esterno.

In media i prezzi si aggirano tra i 40 e 50 Euro al metro quadrato come minimo. Questa cifra comprende il materiale per la realizzazione del cappotto ed il rivestimento di finitura.

I prezzi variano in base al materiale scelto per i pannelli isolanti costituenti il cappotto interno. I materiali come il sughero sono più costosi ad esempio ed anche il formato e lo spessore dei pannelli può condizionare il prezzo.

La spesa per la coibentazione tramite un cappotto interno però verrà ammortizzata in fretta, grazie al risparmio energetico apportato proprio da questo eccellente isolamento.



0 Flares Facebook 0 Twitter 0 Google+ 0 LinkedIn 0 0 Flares ×
 

Lascia una risposta